I GIUSTINIANI DI SMIRNE E LA COMUNITA' LATINA IN TURCHIA

Quando l'isola di Chios venne conquistata dagli Ottomani nel 1566, molte famiglie si trasferirono a Costantinopoli. Si stabilisce una nuova corrente di scambi commerciali e di relazioni tra i latini di Chios e di Genova e quelli di Costantinopoli.
nell'archivio di Propaganda e Fide a Roma Ŕ presente uno scritto del 1783 che indica la composizione del consiglio della ComunitÓ Latina di Chios cosý composto: Giuseppe Giustiniani (Sindico della CommunitÓ); Giacomo Giustiniani (Cancelliere),Oratio Veggetti, Emmanuelle Vernazza, Michele Guiduci, Giuseppe Grimaldi, Giovanni Badetti, Gio. Antonio d’Andria, Nicolas Alioti.
Dallo studio dei registri parrocchiali di Chios ora conservati nell’isola di Tinos, e di un manoscritto inedito, datato tra il 1825 e il 1830, di Giovanni Isidoro, sulla dispersione dei documenti a seguito dell’intervento Turco del 1822, troviamo i nomi di alcune vecchie famiglie latine ancora presenti nell’isola: de Portu, Ferando, d’Andria, Castelli, Corpi, Marcopoli, Guglielmi, Palassur˛, Giuducci (Giudici), Reggio, Roustan. E’ curioso che fino al XIX secolo non si pose il problema della nazionalitÓ dei latini di Chios sotto il governo Ottomano, in quanto nessuna capitolazione particolare era stata firmata dopo il 1566, come fu fatto a Costantinopoli nel 1453 tra Maometto II e la colonia genovese. Tutto lascia supporre che i latini conservarono la propria nazionalitÓ, altrimenti come si potrebbe spiegare come i latini di Scio dopo esser migrati a Smirne, all'inizio del secolo scorso (XIX secolo), si trovino portatori di una nazionalitÓ straniera che, spesso, come nel caso del Giustiniani, si trov˛ ad essere quella del loro paese d'origine Genova, dunque quella Italina. Dopo la Conquista di Costantinopoli del 1453, alcune famiglie latine che avevano trovato rifugio nelle isole dell'arcipelago Greco (Chios, Tinos, Syra, Naxos, Santorini), tornata la calma e l’ordine, decisero di rientrare nella cittÓ d’origine. Questi casi isolati diventarono abbastanza frequenti a partire dal 1537, quando le isole furono, una dopo l'altra, conquistate dai Turchi.
Secondo i registri dei decessi di Santa Maria Draperis, importante parrocchia di Costantinopoli, dal 1800 al 1855, il 33,09% delle persone decedute era costituito da immigrati delle tre isole (Tinos 17,48%; Syra 13,43%; Chios 2,18%). Notiamo che quelli giÓ stabiliti a Costantinopoli rappresentano soltanto il 9,92% dei decessi. I latini ottomani si riunirono sotto un corpo civile e religioso chiamato Magnifica ComunitÓ. Quando questa, negli anni quaranta dell’Ottocento, fu posta sotto la giurisdizione del ministero degli Esteri, prese il nome di Cancelleria Latina Ottomana e la sua attivitÓ continu˛ fino al 1927. Anche se la ComunitÓ latina ottomana, per il fatto che dipendeva spiritualmente da un'autoritÓ (il sovrano Pontefice) che si trovava al di fuori delle frontiere dell'Impero, non Ŕ stata riconosciuta ufficialmente dal governo Ottomano come nazione o millet, ne possedeva tutte le caratteristiche e, senza averne tutti i vantaggi accordati alle altre minoranze, adempieva gli obblighi che dipendono dal suo statuto di soggetto tributario o raya. A partire dai registi dei decessi della chiesa di Santa Maria a Costantinopoli, abbiamo rilevato dal 1800 al 1855, i nomi dei latini di Chios: Braggiotti, Bragiotti, Carco, Caro, Castelli, Charo, Cochino, Coresi, Coressi, Corpi, Doria, Gaidani, Gallizi, Giro, Giustiniani, Isidoro, Jobini, Jobiori, Justiniani, Magnifico, Marcopoli, Marcopolo, Massoni, Nomico, Petier, Piperi, Renaccio, Tubini, Vegeti, Xenopoulo, Zoratelli. La ComunitÓ latina straniera visse la sua etÓ d'oro dal 1839, data della promulgazione delle riforme di modernizzazione dell'Impero ottomano, fino all’abolizione delle capitolazioni con il Trattato di pace firmato a Losanna il 24 luglio 1923. La nuova Repubblica della Turchia non ritard˛ ad applicare un certo numero di misure che andavano a liberalizzare il commercio dal dominio straniero unitamente a quello esercitato dalle minoranze.

Il ramo dei Giustiniani, attualmente estinto a Smirne in Turchia, discendeva dalla famiglia De’ Fornetti (Conti Palatini 1413),  giÓ marchesi, riconosciuti con decreto ministeriale del Regno d'Italia del 22 febbraio 1893, nobili e patrizi genovesi riconosciuti con decreto ministeriale del Regno d'Italia del 20 Giugno 1891. Vari membri della famiglia Giustiniani De’ Fornetti emigrarono da Genova nel secolo XVI, e si stabilirono, gli uni in Sicilia, altri in Spagna, ecc.L'ultimo discendente, di cui si conosce l'origine era il marchese Francesco-Brizio-Edmondo Giustiniani nato a Smirne il 13 Gennaio 1840, Cavaliere Mauriziano e della Corona d’italia, figlio del Marchese Niccol˛, nato a Scio nel 1798, morto a Smirne nel 1872. Egli spos˛ Maria Giustiniani De’ Fornetti nata a Smirne il 13 Dicembre 1842, ed ebbe nove nove figli: Maria (nata a Smirne nel 1842 sposata a Emilio Levante I.R. Vice Console Austro Ungarico ad Alessandretta), Emilia (sposata ad Ernesto Guillois), Edmondo (nato il 1869 sposato alla baronessa Maria Aliotti), Anna (nata nel 1870, monaca), Laura (sposata a Pietro Filippucci), Giovanna, Niccol˛ (nato nel 1875), Margherita e Cristina .
La presenza dei Giustiniani a Smirne Ŕ confermata dal documento sottostante che elenca i mercanti non Musulmani nel 1786 operanti a Smirne (per gentile concessione di Alex Baltazzi).



commercianti

sulla presenza delle famiglie Levantine tra cui i Giustiniani a Smirne e nell'Asia Minore, consiglio i seguenti link:
Giustiniani di Livorno
LEVANTINE HERITAGE diversi contributi in inglese sulla storia delle famiglie levantine.
Cenni sugli italiani di Istanbul e sulla levantinitÓ di Alessandro Pannuti.
Familles Italiennes de Chios

Sulla presenza degli Italiani a Smirne nei primi anni del novecento lo stralcio della strenna sugli Italiani all'estero di A. Frangini (Bologna tipografia Aurora 1903): Italiani in Smirne strenna nazionale cenni biografici .

Tra le pubblicazioni, in francese da "Les Cahiers du Bosphore" ("Les Úditions ISIS Istanbul"), da cui Ŕ stato tratto parte di questo contributi, il libro di Rinaldo Marmara su "Chio - Le tremblement de terre de 1881 d'aprŔs les rapports de l'Úpoque" contenente gli indice dei registri dei battezzati delle Chiese Cattoliche di Tinos e Chios dal 1707 al 1727 e dal 1814 al 1988 che ci portano indicazioni preziose sull'origine delle famiglie stabilitesi su quest'isola ed il capitolo "I Giustiniani di Chios" di Enrico Giustiniani (nel testo in Italiano).
Per chi volesse acquistare il testo: Casa editrice ISIS - Istambul


CHIO terremoto


DAI GIUSTINIANI ALL'UNIONE EUROPEA
UN PERCORSO CONTINUO


Si Ŕ svolto il 17 aprile 2004, a Bassano Romano (Viterbo) in collaborazione con l'Amministrazione Comunale e la Lega Italo-Ellenica, il convegno dal tema: "DAI GIUSTINIANI ALL'UNIONE EUROPEA UN PERCORSO CONTINUO".
All'evento hanno partecipato i Comuni Italiani di: Mirano (Venezia), Ortona (Chieti), Caprarica (Lecce), Amelia (Terni), Lari (Pisa), il Comune Francese di Bastia, i comuni Greci di Chios ed Homiroupolis. Il convegno Ŕ stato patrocinato dal Senato della Repubblica, dal Sovrano Militare Ordine di Malta delegazione Granpriorale Ligure, dalla Regione Lazio e dalla Provincia di Viterbo
Le relazioni hanno analizzato il percorso storico dei Giustiniani, da diverse angolazioni: dall’epopea della marineria genovese nel levante fino al collezionismo seicentesco dei grandi mecenati e alle suggestioni architettoniche della Villa di Bassano. Un lungo viaggio tra storia e cultura per riallacciare, nello spirito Europeista, gli antichi legami tra popoli di diverse culture e societÓ.
Le amministrazioni intervenute, si sono impegnate a predisporre un protocollo d’intesa, per dare seguito a questa iniziativa, anche al fine di realizzare un organismo permanente, tra vari soggetti non solo pubblici, atto a valorizzare eventi futuri per conto dei suoi partner, anche attraverso una Fondazione con una pluralitÓ di soci attivi con la finalitÓ di salvaguardare i beni storico-culturali, per la valorizzazione piena dei siti, palazzi, oggetti, memorie dell'illustre casato. Questo organismo potrÓ presentare proposte di interventi integrati, cofinanziati dai fondi strutturali europei per gemellaggi tra diverse comunitÓ ed il recupero di siti urbanistici di interesse storico, artistico - culturale, villaggi tradizionali in stato di abbandono e di degrado. Il progetto avviato rimane comunque aperto sia ad associazioni private che ad altri enti pubblici come altri comuni che in ogni momento possono farne parte. GiÓ hanno dato la loro adesione i comuni di Fauglia (Pi), Monterinaldo (Ap), e Aghios Minas, Ionias e Kampochora (Grecia)

Gli atti sono stati presentati in anteprima a Chios il 31 agosto 2005 ed a Roma il 1 dicembre 2005 presso la Sala dei Presidenti di Palazzo Giustiniani di Roma, con il patrocinio del Senato della Repubblica, da Enrico Basso, archivista di Stato direttore nella Sovrintendenza Archivistica per la Liguria e Christina Strunck, Assistente scientifico della Biblioteca Hertziana.
home

Venerdý 7 aprile 2006, a seguito la presentazione Genovese nella cornice del Complesso Monumentale si Sant’Ignazio presso l’Archivio di Stato. Un simbolico ritorno nella cittÓ di origine della famiglia, durante le manifestazioni Genovesi dell’ottava settimana della cultura. Patrocinatore dell’evento oltre il Senato della Repubblica, il Sovrano Militare Ordine di Malta Delegazione Granpriorale Ligure.
Gli atti, giÓ presenti nei cataloghi di diverse Biblioteche pubbliche, sono stati presentati da Giovanni Assereto, ordinario di storia moderna dell’UniversitÓ di Genova che ha commentato i contributi storici al volume e da Christina Strunck, assistente scientifico della Biblioteca Hertziana di Roma che ha commentato gli aspetti pi¨ artistici ed architettonici trattati nel volume. Alfonso Assini, funzionario dell’Archivio Genovese, Ŕ intervenuto sul lascito fedecommissorio di Vincenzo Giustiniani, la cui contabilitÓ e molti degli atti notarili rogati per conto di questa famiglia sono conservati nell’Archivio stesso. Durante la manifestazione, sono stati esposti, a cura dello stesso Assini, Ignazio Galella e Roberto Santamaria, alcuni dei pi¨ significativi documenti dell'Archivio Giustiniani, in rapporto soprattutto alle loro committenze artistiche, disegni (fra cui il bellissimo stemma della famiglia), stampe e incisioni (dalle collezioni del marchese Giustiniani verrÓ una copia della "Galleria Giustiniana"), monete e oggetti legati alle funzioni dogali e di rappresentanza svolta da alcuni membri della famiglia., provenienti anche da alcune preziose collezioni private.

Il codice ICCU del libro nel database delle Biblioteche Italiane Ŕ IT\ICCU\IEI\0241428 , clikkando il link potete visualizzare le biblioteche dove Ŕ presente il libro.
Redazionale con foto sul Convegno a Bassano Romano
Redazionale con foto sulla presentazione degli atti a Roma
Articolo degli atti a Roma sulla "Croce Ottagona" periodico della Delegazione Ligure del SMOM gennaio 2006 n.23 con il discorso del Delegato dell'Ordine Giovanni Della Croce di Dojola
Redazionale con foto sulla presentazione degli atti a Genova
Articolo degli atti a Genova sulla "Croce Ottagona" periodico della Delegazione Ligure del SMOM aprile 2006 n.26
Intervento del delegato alla cultura di Bassano Romano alla presentazione degli atti a Genova
atti giustiniani
INDICE DEGLI ATTI (dove disponibili dei brevi estratti dei contributi)
1) Lettera di saluto del senatore Marcello Pera, presidente del Senato della Repubblica. 2) Presentazione di Giovanni Della Croce di Dojola, delegato granpriorale per la Liguria Del Sovrano Militare Ordine di Malta. 3) Presentazione di Giuseppe Marchetti, sindaco del Comune di Bassano Romano. 4) Fu Giustiniano l’eponimo fondatore del casato? Introduzione a cura di Enrico Giustiniani. 5) PARASKEVI PAPAKOSTA - Introduzione al convegno in lingua greca moderna 6) GABRIELLA AIRALDI - Genova e il Mediterraneo. 7) STEFANO GRILLO di RICALDONE - I Giustiniani: “cives” e “reges”. Le distinzioni nobiliari del ceto dirigente genovese dall’etÓ comunale ai riconoscimenti della regia Consulta Araldica. 8) ANDREA LERCARI - La vicenda storica dell’albergo Giustiniani: dalla fazione popolare al patriziato sovrano della Repubblica di Genova. 9) SILVIA DANESI SQUARZINA - Il Cristo portacroce di collezione Giustiniani. Prima versione incompiuta di un’opera di Michelangelo. 10) MANUELA TOZZI RAMBALDI - Il Campos di Chios, caratteri e confronti. 11) VALERIA MONTANARI - Orientamento e prassi del restauro a Chios. 12) PARASKEVI PAPACOSTA - Sulle tracce dei Giustiniani nella storia dell’architettura di Chios, Bassano Romano, Gravina in Puglia e Caprarica di Lecce. 13) DIMITRIS PAPALIOS - Il progetto di parco medievale tematico come valorizzazione dei beni architettonici a Chios. 14) RINALDO MARMARA - La formazione della comunitÓ latina a Costantinopoli e le migrazioni da Chios. 15) AGOSTINO BURECA - La Villa di Vincenzo Giustiniani a Bassano Romano: interventi e prospettive per la tutela e la valorizzazione. 16) RITA FABRETTI - I Giustiniani a Bassano: rapporti tra potere centrale e locale (sec. XVII e XVIII). 17) ANGELO CASERTANO - Il Monastero di San Vincenzo: dall’idea di Vincenzo Giustiniani alla donazione Benedettina-Silvestrina. 18) REMO DE MARTINO - Il viaggio di San Tommaso apostolo da Chios a Ortona. 19) ALEXANDRIS EVANGHELOS - Progetto di gemellaggio fra ComunitÓ Mediterranee unite da percorsi storici comuni. 20) EMMANUEL VASTA e JEAN BAPTISTE RAFFALLI - La Villa Giustiniana a Bastia. 21) BARBARA SILVANI - Il palazzo Giustiniani di Amelia. 22) GIAMPAOLO GRASSI - Il modello socio economico di Chios: riscontro nei modelli di organizzazione agricola e d’imprenditoria nella Val d’Era e sulle colline pisane. 23) MARIO ESPOSITO - Ville Venete nel territorio di Mirano. 24) ALESSANDRA ZABBEO - I Giustinian a Mirano e il loro insediamento.

Gli Atti sono acquistabili presso la tipografia: Tipografia Pioda Viale Borelli, 15 Tel: 06 44701500 Fax: 06 4451 862 - info@pioda.it


BASSANO ROMANO-CHIOS:
ANTICHI LEGAMI E NUOVI PERCORSI NELLO SPIRITO EUROPEO
Atti del II░ convegno internazionale sulle architetturee collezioni artistiche dei Giustiniani


nell'ambito del progetto europeo di gemellaggio tra Bassano Romano, Aghios MinÓs e Kampoh˛ra di Chios

Si Ŕ svolto dal 6 al 10 settembre 2006, l’incontro tra i cittadini del Comune di Bassano Romano, nella Tuscia Viterbese, e quelli dei Comuni di Aghios MinÓs e Kampoh˛ra dell’isola Greca di Chios, nell’ambito del progetto co-finanziato dall’Unione Europea per la cittadinanza attiva “gemellaggio di cittÓ”. Il tema del gemellaggio venne proposto per prima volta durante il convegno internazionale svolto a Bassano Romano nell’aprile del 2004, Dai Giustiniani all’Unione Europea: un percorso continuo, un lungo viaggio tra storia e cultura per riallacciare, nello spirito europeista, gli antichi legami tra popoli di diverse culture arricchite, grazie anche alla presenza dei Giustiniani, da testimonianze storico-artistiche, appartenenti oggi al patrimonio culturale europeo.
In un atmosfera cordiale e informale, la delegazione Chiota, arrivata mercoledý 6 settembre all’aeroporto di Fiumicino, Ŕ stata accolta dal Sindaco insieme alla Giunta Comunale e da numerosi giovani dell’Associazione Culturale Bassanese. Il gruppo Greco, nei due giorni successivi ha visitato i luoghi di principale interesse nella cittadina Viterbese e nella capitale.
Sabato 9 settembre si Ŕ svolta la parte ufficiale del programma, presentata in questo volume d’Atti (in Italiano e Greco), aperta dal secondo convegno internazionale di studi storico-scientifici, presentato in italiano e in greco, intitolato Bassano Romano-Chios: antichi legami e nuovi percorsi comuni nello spirito europeo, svolto nella suggestiva Sala dei Cesari del Palazzo Giustiniani. I relatori, rappresentanti della Pubblica Amministrazione, scienziati e studiosi, hanno ripercorso gli antichi legami che uniscono le comunitÓ Italo-Greche intervenute. Dal 1347 al 1566 i Giustiniani furono gli amministratori per conto della Repubblica Genovese dell’isola di Chios nell’Egeo nord orientale. Alcuni di loro dal 1595 al 1854, dimorarono nel feudo di Bassano Romano. Il gemellaggio tra le comunitÓ Chiote e quella Bassanese Ŕ un atto di amicizia nel comune legame con la presenza di questa famiglia e con l'ereditÓ ideale, architettonica e culturale che essa ha lasciato ai posteri italiani e greci. Al convegno ha fatto seguito la firma ufficiale del Patto di Amicizia tra i comuni intervenuti. Nel pomeriggio la manifestazione si Ŕ chiusa con l’esibizione del Gruppo Bandistico Bassanese e dei danzatori di Aghios MinÓs e Kampoh˛ra, presso il Monastero di San Vincenzo Martire, seguita da una serata musicale.
Domenica 10 settembre, la delegazione Chiota Ŕ tornata in Grecia, dando appuntamento ai Bassanesi nell’isola del mastice per il 2007. atti gemellaggio giustiniani

Il libro d'atti Ŕ stato curato da Enrico Giustiniani e Paraskevi Papakosta
Nelle prime pagine del presente volume d’Atti, vengono presentati brevemente i tre Comuni e immagini dagli archivi dei relatori, nonchŔ i saluti dei Sindaci e dei membri della Pubblica Amministrazione. Segue un breve intervento del Presidente del Comitato Organizzatore Enrico Giustiniani, sul progetto di partenariato Europeo della “Rete Giustiniani” e la cittadinanza Europea attiva. La sezione di carattere scientifico del convegno apre con il testo di Cecilia Mazzetti di Pietralata, storico dell’arte, relativo all’opera dei fratelli mecenati Vincenzo e Benedetto Giustiniani, nati a Chios nella metÓ del XVI secolo, i cui palazzi a Roma e a Bassano, furono dei veri e propri luoghi d’arte - “Accademie” - dove oltre ad ammirare la splendida collezione di statue e dipinti, gli artisti cercavano atmosfere e spunti per la loro ispirazione; un crocevia di incontri artistici nel seicento, dal Nord Europa al Mediterraneo, un patrimonio culturale di enorme valore, lasciato in ereditÓ ai posteri.
Segue lo studio analitico di Paraskevi Papacosta dedicato alle architetture dei Giustiniani di Chios a Bassano Romano. La relatrice enfatizza il valore urbanistico del complesso territoriale ed alcuni caratteri peculiari comuni che ricollegano Bassano a Chios. Attraverso questa nuova lettura panoramica dell’insieme, basata sull’analisi diretta e su ricostruzioni storiche, contribuisce al processo di conservazione e valorizzazione del sito storico.
Le ricerche d’archivio delle famiglie Anguillara di Ceri e Giustiniani di Negro a Roma e a Viterbo hanno contribuito allo svolgimento dell’analisi, dedicata al giardino di Vincenzo Giustiniani, dell’architetto della Soprintendenza per i Beni Architettonici ed il paesaggio del Lazio, Agostino Bureca responsabile del programma di conservazione della villa Giustiniani-Odescalchi a Bassano Romano. Nonostante l’ovvio rinnovo della vegetazione e del deperimento della materia permangono tutt’oggi diversi caratteri dell’originario genius loci del giardino, dovuti alle aspirazioni antiquarie e alle suggestioni europee del noto mecenate da Chios.
Don Cleto Tuderti, giÓ Priore del Monastero di San Vincenzo, ha sviluppato il tema del “Mausoleo” voluto dal Marchese Vincenzo per la sua famiglia, evidenziando altri aspetti, correlati alla religiositÓ e spiritualitÓ dei Giustiniani, non meno eloquenti ed attuali, che mettono in luce singolare la poliedrica figura di Vincenzo Giustiniani. Rinaldo Marmara si sofferma sull’importanza dei registri parrocchiali di Chios presenti a Tinos e su quelli di Costantinopoli, ricchi di testimonianze ed appunti, di cui alcuni sono del tutto ancora sconosciuti agli studiosi e altri necessitano di essere ricatalogati e soprattutto preservati dall’incuria del tempo.
Al suo intervento ha seguito quello di Manolis Vournous della Chiesa degli Aghii SarÓnda a ThimianÓ. L’architetto offre una lettura aggiornata compiuta sui ruderi della chiesa e su precedenti studi personali. ╚ interessante il fatto che dopo secoli di storia, si rispecchiano ancora le influenze genovesi nell’architettura chiota.
Dimitris Kokkinakis attraverso la sua antologia critica introduce all’arte medica e farmaceutica di Chios nel periodo genovese dell’isola. Sintetizza il sistema sanitario chiota del passato, ricorrendo a parallelismi con le istituzioni adottate dalle repubbliche marinare nella penisola italica. L’argomento sulle farmacie portatili e sull’arte degli speziali apre nuovi orizzonti negli studi chioto-bassanesi.
Alice GÓnou, con un intervento semantico, ha evidenziato come esistano ancora, nel dialetto Chiota, termini vernacolari di derivazione Genovese e Italiana. Questi “cromatismi” locali potrebbero ricollegarsi alle manifestazioni “periferiche” della matrice latina nell’Egeo e pi¨ in generale nel Mediterraneo.
Cogliendo l’occasione di questo nuovo convegno organizzato nell’ambito del progetto di gemellaggio tra Bassano e Chios, sono stati inseriti due nuovi contributi di sintesi e di approfondimento scritti dai curatori della presente opera collettiva. Essi contribuiscono al riconoscimento dell’opera e all’approfondimento di alcuni dei temi affrontati dai relatori che parteciparono al primo convegno internazionale Dai Giustiniani all’Unione Europea: un percorso continuo, svolto a Bassano Romano nell’aprile 2004 che tematicamente aveva introdotto la proposta di gemellaggio. Enrico Giustiniani ricorda i temi illustrati negli atti del primo convegno, curati da lui stesso, che present˛ al palazzo Giustiniani di Roma al Senato il 1 dicembre 2005 e successivamente al Archivio di Stato di Genova il 7 Aprile 2006 ove sono state aggiunte nuove valutazioni e commenti costruttivi di natura critica, sulle relazioni di contenuto scientifico. Il secondo testo di Paraskevi Papacosta chiude il presente volume, offrendo nuove prospettive di studio. La studiosa percorre i temi relativi alle architetture del passato conservate nelle antiche Terre dei Giustiniani. Segue una nuova lettura a campione, mirata, con relativa documentazione fotografica o grafica di alcune architetture monumentali in stato di rovina ed altre memorie dei Giustiniani di Chios. Il testo Ŕ caratterizzato da meditazioni storico-critiche, verificate direttamente sui “testi architettonici” e dall’individuazione di alcuni valori inespressi dalla letteratura che potrebbero essere capaci di suggerire nuove iniziative e soluzioni progettuali finalizzate alla conservazione e al recupero di questi siti degradati.

INDICE DEGLI ATTI
FRANCESCO BROGLIA - Presentazione Atti; ENRICO GIUSTINIANI E PARASKEVI PAPACOSTA - Introduzione al convegno internazionale nell’ambito del progetto di gemellaggio tra i Comuni di Bassano Romano, Aghios MinÓs e Kampoh˛ra di Chios; Presentazione dei Comuni del gemellaggio-Saluti ; Messaggio di Benvenuto ai cittadini di Aghios MinÓs e Kampoh˛ra; Saluto del Sindaco di Bassano Romano Luigi De Luca; Saluto dell’Assessore alla cultura di Bassano Romano Vittorio Ronconi; Presentazione del Comune di Bassano Romano; Saluto del Sindaco di Aghios MinÓs Ionnis PantelÓras; Breve presentazione dell’isola di Chios; Presentazione del Comune di Aghios MinÓs; Saluto del Vice-Sindaco di Kampohora Charilaos KoutsourÓdis; Presentazione del Comune di Kampohora; Presentazione progetto “Rete fra cittÓ gemellate”; ENRICO GIUSTINIANI Il progetto di parternariato e di gemellaggio fra comunitÓ Europee unite da percorsi storici comuni. La cittadinanza Europea attiva; Relazioni di contenuto scientifico sulla storia e la cultura di Bassano Romano e Chios ; CECILIA MAZZETTI DI PIETRALATA - Dal nord Europa al Mediterraneo: i palazzi Giustiniani di Roma e Bassano nel seicento, crocevia di incontri artistici; PARASKEVI PAPACOSTA - Architetture dei Giustiniani di Chios a Bassano Romano:storia e caratteri; AGOSTINO BURECA - Aspirazioni antiquarie e suggestioni europee nel giardino storico del palazzo Giustiniani a Bassano Romano; CLETO TUDERTI - Il mausoleo di S.Vincenzo Martire in Bassano Romano. Contributo per un gemellaggio; RINALDO MARMARA - La storia non Ŕ mai completa …. e neppure quella dei Giustiniani; MANOLIS VOURNOUS - La chiesa degli Aghii SarÓnda a ThymianÓ di Chios; DIMITRIS KOKKINAKIS - Breve introduzione all’Ars medica e farmaceutica nella colonia genovese di Chio. Dai primi ospedali al cofanetto dei medicinali di Vincenzo Giustiniani; ALICE GANOU - L' influenza della lingua italiana sul linguaggio Chiotico; Termini vernacolari di origine italiana o genovese presenti nel dialetto Chiota; Firma del “Patto di amicizia e fratellanza”; Retrospettiva e approfondimento sui temi del 1░ convegno internazionale di Bassano Romano; ; ENRICO GIUSTINIANI - Sintesi del convegno di Bassano Romano del 17 aprile 2004: Dai Giustiniani all’Unione Europea: un percorso continuo; PARASKEVI PAPACOSTA - Un percorso nelle antiche Terre dei Giustiniani: retrospettiva e approfondimento sui temi architettonici del primo convegno di studi a Bassano Romano; Ringraziamenti.

Il codice ICCU del libro nel database delle Biblioteche Italiane Ŕ IT\ICCU\IEI\0284266 , clikkando il link potete visualizzare le biblioteche dove Ŕ presente il libro.

Gli atti sono stati presentati una prima volta il 12 maggio 2007 a Bassano Romano dal Prof. Francesco Broglia e dall’Arch. Michele Campisi con il patrocinio della Sovrintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio del Lazio (Redazionale presentazione di Bassano Romano a cura di Domenico Vittorini - Gazzetta Bassanese n. 124 giugno 2007). A seguito poi la presentazione a Roma il 28 novembre 2008 nella sala Capitolare presso il Chiostro del Conventodi Santa Maria sopra Minerva Senato della Repubblica.
La Sala Capitolare costruita per volontÓ di Vincenzo Giustiniani, generale dei Domenicani, nel XVII secolo, ancora conserva sul soffitto gli stemmi della famiglia Giustiniani.
Sono intervenuti Silvia Danesi Squarzina, ordinario di Storia dell’Arte Moderna dell’UniversitÓ di Roma Sapienza e Alessandro S. Curuni, ordinario di Restauro dell’UniversitÓ di Roma Sapienza. Ha introdotto i lavori Francesco Broglia, Docente di Rilievo dell’Architettura dell’UniversitÓ di Roma Sapienza. Al termine della presentazione Ŕ stato proiettato un documentario sui Giustiniani (vai al video dell'introduzione clikkando il link), creato e montato dall'architetto Papacosta.
Redazionale con foto sulla presentazione del secondo libro degli atti a Roma il 28 novembre 2008

Gli atti, saranno presentati anche a Genova in primavera 2009 in data ancora da definire.
home Il volume "Bassano Romano - Chios: antichi legami e nuovi percosi nello spirito europeo", Ŕ acquistabile su richiesta presso la Tipografia Pioda di Roma in Viale Ippocrate, 154 -
Tel: 06 44701500 Fax: 06 4451 862 - info@pioda.it


IL PROGETTO DELLA RETE GIUSTINIANI

Un filo rosso unisce alcuni piccoli comuni Italiani ed Europei, la presenza nel corso dei secoli della Famiglia Genovese dei Giustiniani, importanti tracce architettonicche ed antropologiche da valorizzare e da collegare nel tempo e nello spazio, percorsi turistici comuni per uno scambio di idee e confronti per riallacciare gli antichi legami in uno spirito Europeista.

DOCUMENTARIO SUI GIUSTINIANI

Grazie all'iniziativa dell'Assessore al patrimonio della municipalitÓ Francese di Bastia, Ŕ recentemente uscito (gennaio 2008), prodotto da Vision Internationale e da France 3 per la regia di AndrŔ Waksman il documentario "Les Giustiniani une saga mÚditerranÚenne". Il documentario di circa un ora, a cui ho fattivamente collaborato, ha richiesto quasi due anni di lavori; l'opera, in francese (con alcuni brani in Italiano sottotitolati) traccia il lungo percorso antropologico e storico della famiglia Giustiniani, toccando le localitÓ dove pi¨ si Ŕ sentita la presenza di questa famiglia: Genova, il levante ligure, Chios, Roma, Palermo, la Corsica e Bassano Romano.
Sono in possesso della copia, informalmente potrei accontentare, nei limiti del possibile, chi me ne facesse gentile richiesta.
Il film, apparso sulla trasmissione "Orizzonti" su France3-Corse il 10 maggio 2008 Ŕ online sul sito della France 3 - corse in questo link:
"I Giustiniani, une saga mÚditerranÚenne" (100508)

film giustiniani



la mia foto

Torna alla homepage di Enrico Giustiniani

la mia foto