DISCENDENZA RECANELLI - GIUSTINIANI
Dal Volume I dal n░ 16 al n░ 20 della Raccolta storica delle Famiglie Illustri Italiane Edito nel 1907 in Firenze e Livorno dall ‘Editore Primo Riccomi


Pietro Recanelli Giustiniani, fu il primo capo della “nuova” Maona di Chios, a lui si fa discendere lo stipite Genovese dei Giustiniani, aveva sposato Margherita, figlia del Doge Gabriele Adorno, cognato di Santa Caterina Fieschi da Genova.
Luogotenente papale a Smirne nel 1361, aveva progettato un matrimonio con Fiorenza, vedova di Giovanni delle Carceri morto nel 1359 ed erede del duca Giovanni di Nasso e dell’arcipelago. Questo fu impedito dai Veneziani che nonostante stimasse il Recanelli non voleva che i Genovesi prendessero possesso di Nasso. Pietro Recanelli continu˛ ad amministrare Smirne fino al 1365 quando torn˛ a Genova e spos˛ Margherita Adorno. Ammiraglio della Repubblica nei tumulti dei D’Oria nel 1365-1366, nel 1367 tratta in Cipro la pace con i Mammalucchi e ritorna a Smirne. Muore nel 1380, con un testamento dell’11 maggio dello stesso anno.
Prima di addentrarci nella discendenza diretta di Pietro Recanelli con il figlio Gabriele, ci soffermiamo con altri tre: Pietro, Francesco e Tommaso che non Ŕ certo se furono fratelli di Gabriele ma certamente parenti molto affini di cui si hanno delle note storiche.
Pietro (vedi “abecedario” del Federici, Biblioteca missione urbane) fu appaltatore di Chios nel 1364, officiale delle franchigie nel 1378, castellano di Spezia nel 1378, ufficiale di guerra nel 1381, ufficiale per l’esercito di Soria pacificatore in Baviera nel 1398, “al fianco dŔ dodici figlioli 1401”, arbitro per la Corsica nel 1404.
Francesco fu appaltatore a chios dal 1364 al 1373, spos˛ Nicolosa figlia di Pasquale de Fornetto, come da testamento di Raffaele Fornetto del 1363. fu doge nel 1393.
Tommaso Giustiniani concluse con i Greci la riconferma legale del possesso dell’isola di Chios il 14 giugno 1367.
Ai fini della discendenza Ŕ certo che figlio di Pietro Recanelli fu Gabriele, consigliere della Repubblica nel 1406, che spos˛ Flaminia q. Giovanni de Franchi Torturino da cui ebbe un figlio che chiam˛ come lui Gabriele che spos˛ Violantina Giustiniani Longo q. Paride da cui ebbe Pietro che spos˛ Bianchettina Giustiniani Garibaldi qu. Matteo.
In questo periodo troviamo un altro Francesco Giustiniani che fu appaltatore a Chios: un suo testamento redatto da Antonio Credenza nel 1383, vende carati di Chios agli Adorni nel 1380, fu anziano nel 1391, ufficiale di provvigione nel 1395 e compra otto carati di chios dai Fregoso nel 1390 sempre con atto di Antonio Credenza. Fu ufficiale di moneta, di spesa ordinaria ed elettore nel 1405, rettore della repubblica nel 1413, ambasciatore presso il Re di Francia nel 1404.
Lo stesso Pietro di Gabriele si trattenne per vario tempo a Chios per poi tornare a Genova come capitano di galea nel 1521; conservatore dei privilegi nel 1523 e governatore della Maona nel 1544. Da Pietro e Bianchettina Giustiniani nacquero tre figli: Vincenzo, Pantaleo e Gabriele che spos˛ Maddalena Giustiniani Garibaldi da cui discendono i Giustiniani di Ferrara. Nel 1565 Vincenzo era podestÓ di Chios e capo della maona. Pantaleo (il cui testamento Ŕ dell’8 maggio 1617) Ŕ il continuatore della discendenza sposa Sobranetta Giustiniani Banca qu. Stefano da cui nascono due figli Antonio e Tommaso.
Da Tommaso in linea retta Giovanni, Tommaso e Giovanni. Da Giovanni in linea retta Giuseppe e da quest’ultimo Girolamo capostipite del ramo di Savona.
Da Antonio, figlio di Pantaleo, marito di Pomellina Giustiniani Longo qu. Raffaello, governatori nel 1600 discendono in linea retta Pietro, nato a Chios il 1570 ed ascritto al Libro d’oro della nobiltÓ Genovese il 16 dicembre 1637 che sposa in prime nozze Despina Giovanna Giustiniani e poi Camilla Giustiniani Longo. Da Pietro, il figlio Stefano nato a Chios nel 1596 che sposa Marietta Giustiniani Garibaldi qu. Giovambattista. Da Stefano, Francesco nato a Chios il 17 ottobre 1641 e ascritto al Libro d’oro di Genova il 9 dicembre 1671, marito di Angela Soffietti qu. Domenico e Pantaleo. Da Francesco e Angela nasce Stefano, nato a Chios il 24 aprile 1668, ascritto alla nobiltÓ Genovese il 27 settembre 1693, marito di Isabella Marcopoli qu. Iacopo. Da loro nacque Pietro nato a Genova il 1 maggio 1696, ascritto alla nobiltÓ genovese il 26 febbraio 1716 che spos˛ Maddalena Loellini qu. Francesco Maria da cui ebbe tre figli Saverio, Pantaleo e Stefano. Stefano fu vescovo di Albelga. Da Saverio nato a Genova il 24 settembre 1744, iscritto alla nobiltÓ Genovese l’11 agosto 1759, che spos˛ Anna Oberti, nacquero Pantaleo ed Alessandro, quest’ultimo Cardinale. Pantaleo nato a Genova il 14 agosto 1780 spos˛ Anna Alberti e morý a Genova il 17 febbraio 1867 da cui ebbe sei figli: Alessandro, Marianna, Angela, Pietro, Francesca Severia ed Alessandro. Di questi Marianna spos˛ un Malpassuti di Tortona, Angela un Tancredi di Trebbiano. Morti i fratelli rimase il solo Alessandro, nato a Genova nel 1832 marito di Maria-Giuseppa Giustiniani De Fornetti da cui ebbe quattro figlie femine: Sofia, Matilde, cecilia e Guglielmina.
Dall’altro figlio di Stefano (di Pietro di Antonio), Francesco abbiamo Pantaleo, nato a chios il 23 novebre 1649, ascritto alla nobiltÓ Genovese il 9 dicembre 1671, marito di Maria Giustiniani Recanelli di Stefano qu. Bernardo da cui Francesco nato a Chios il 5 novembre 1668, ascritto alla nobiltÓ Genovese il 20 febbraio 1693 marito di Giacinta Alerame qu. Giovanni Francesco Marchese di Altavilla e S. Alelasia ultimo di questa nobile stirpe che vanta tra i suoi antenati Adelasia figlia dell’imperatore Ottone Magno di Germania. Da questo matrimonio nacque a Genova il 2 marzo 1730, Giacomo ascritto alla nobiltÓ Genovese il 17 luglio 1746 marito di Caterina Doria qu. Ambrogio da cui ebbe sette figli: Silvia, Francesco, Stefano, Marianna, Maria, Pietro e Benedetto. Tranne Francesco e Pietro gli altri non ebbero discendenza o se la ebbero si spense con la prima generazione (il marchese Stefano II spos˛ Valpurga Martignoni da cui nacquero Ignazio morto giovane senza figli e aria soposa di Paolo PodestÓ di Sarzana. Dal marchese Benedetto IV sposo della Marchesa Di Negro patrizi genovesi nacquero Giacomo, Francesco e Cosimo decessi senza discendenza, Teresa-Carenza (sposa del marchese Gian Luca Reggi genovese orto il 1871) e Maria-Maddalena nubile.).
Dal marchese Francesco, primogenito di Giacomo nato l’11 luglio 1784, che spos˛ la contessa Chiara Caimi qu. Giuseppe nacquero quattro figli: Cesare, Stefano, Giuseppe e Giacomo. Cesare spos˛ Anna Grossi di Bollano e morý senza figli. Giuseppe, missionario morý a Baltimora negli Stati Uniti, Giacomo non si spos˛. Stefano nato il 29 agosto 1809, fu ufficiale di marina, si distinse nelle battaglie di Goito e S.Lucia nel 1848, ebbe due mogli, dalla prima Caterina Barbieri ebbe due figli: Domenico-Ottone e Calista che spos˛ un Bartolini. Dal marchese Domenico-Ottone nato il 23 febbraio 1841, tenente dei carabinieri Genovesi, si distinse nella battaglia di Mentana nel 1867, spos˛ Francesca Fagiani e da esse ebbe Pier Ferruccio capitano di cavalleria, nato a Genova il 10 febbraio 1866, marito della nobildonna Contessa Caterina figlia di Orazio Conte Avogli Trotti patrizi di Ferrara, Stefano celibe e Giannina sposa del Colonnello Guerra medico di marina.
Con l’estinzione del ramo Giustiniani Negro-Banca di Roma discendenti del Marchese Vincenzo Giustiniani, principe di Bassano, istitutore del fedecommesso, il titolo di Principe di Bassano passa a Pier Ferruccio che porta anche il titolo di Duca di Corbara.
Dall’altro matrimonio di Stefano (figlio del marchese Francesco, primogenito di Giacomo) con Angela Dassori nacquero Francesco e Ida, quest’ultima spos˛ l’avvocato Dentoni di Sarzana.
Dal marchese Francesco, nato a Genova il 9 luglio 1861, maggiore di fanteria nel Regio esercito di stanza a Livorno, sposo di Giuseppina Dongiovanni di Fossano, ebbe Lina nata all’Aquila, Ida nata a Fiorenzuola d’Arda e Roul nato a Spezia.
Il marchese Pietro III (quinto figlio di Giacomo e Caterina Doria), ebbe due mogli dalla prima contessa Teresa Picedi di Sarzana: Francesco (spos˛ Elisa contessa Scassi di Genova dalla quale nacque Onofrio che morý bambino), Andrea (capitano di vascello spos˛ l anobildonna Anna Asquer di Flumini di Cagliari dalle quale ebbe deu figlie Giuseppina sposa di Carboni-Boi ed Enrico morto bambino), Luigi e Camilla sposa Grossi. Luigi continuatore della discendenza di Pietro di Giacomo, ebbe due mogli, dalla prima Alberta Bernucci di Sarzana da cui ebbe cinque figli: Pietro, Augusta sposata Battini-Rossi, Guglielmina, Giuseppina e Maria-Pia. Dalla seconda Carlotta Cucchi ebbe altri quattro figli: Giuseppe prelato domestico del Pontefice, Teresa sposa Meucci, Eugenia sposa del nobile Picedi di Sarzana ed il Marchese Benedetto, prefetto che spos˛ Isa Barbaci ed ebbe tre figli: Olga sposa Sertori, Aldo in geniere e Mario (con dimora a Vezzano Ligure e Sarzana).



la mia foto

Torna alla homepage di Enrico Giustiniani

la mia foto